“””ASINUS ASINUM FRICAT”””: I SIMILI SI CERCANO E FANNO INTESE POLITICO-ELETTORALI!

      E’ dal 16 settembre che uno dei giornalisti amici-fiancheggiatori ha sparato la notizia virgolettata “IL J’ACCUSE DI RENZI: COMPLOTTO CONTRO DI ME, SO CHI SONO I MANDANTI” e subito Silvio, rilanciato dal golper do Matteo, ha subito vantato “IO NE HO SUBITO 5”, come al solito esagerando!

Oggi, su “il FATTO QUOTIDIANO”, Marco Lillo, l’unico vicedirettore perquisito anche se assente perchè in ferie a casa del padre in Calabria, e la perquisizione ha riguardato non solo il suo ufficio al giornale ma addirittura anche la residenza della moglie, NEL SUO ARTICOLO CON INCIPIT IN PRIMA PAGINA, DAL TITOLO: “””ESCLUSIVO – CONSIP ecco perchè il GIUDICE ordinò di intercettare babbo Tiziano. IL GIUDICE PIU’ DURO DI WOODCOCK: “GRAVI INDIZI DI CORRUZIONE SU PAPA’ RENZI“.

     Ma l’ordine di controllare il telefono  del padre dell’allora presidente del Consiglio era stato dato PRIMA DEL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE, ben prima del referendum sulla sua “schiforma”, non era un complotto elettorale regionale siciliano e men che meno elettorale nazionale!

     Il Pm, garantista e galantuomo, lo aveva nascosto al Noe ed iniziò gli ascolti solo dopo il voto referendario. NON era, quindi, un Pm d’assalto che a tutti i costi voleva incastrare il povero Tiziano Renzi!

     Oggi, in esclusiva, “il Fatto Quotidiano” spiega che le intercettazioni furono  disposte non dal cattivissimo Woodcock ma dal Gip Mario Morra il quale riteneva che esistessero “gravi indizi” sul padre del leader del Pd non solo per il reato di traffico di influenze, come il 19 luglio Matteo lamentava. Per Morra si poteva parlare di corruzione.

     Forse resta, invece, un mistero inspiegabile il perchè dell’inchiesta del Csm su Woodcock il quale, come ha sottolineato il Procuratore reggente di Napoli Nunzio Fragliasso, Woodcock ha preferito attendere il 5 dicembre, dopo il referendum, per evitare di ascoltare conversazioni politicamente delicate ed irrilevanti penalmente. Altro che golpe !

Non è che quello che si voleva ordire era un vero golpe ma per colpire il Pm Woodcock???

 

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Golpe o invenzione per fare la vittima?. Contrassegna il permalink.

Una risposta a “””ASINUS ASINUM FRICAT”””: I SIMILI SI CERCANO E FANNO INTESE POLITICO-ELETTORALI!

I commenti sono chiusi.