QUANDO UNA RICERCA IN PROVINCIA DI BOLZANO TROVA I PESTICIDI NEI PARCHI DOVE GIOCANO I BAMBINI E RIPOSANO GLI ANZIANI CHE LI ACCOMPAGNANO.

………………………………………………..

…………………………………………………………..

 

     I miei amici ambientalisti del comune di Malle Venosta, il ptimo comune in Europa che, a mezzo referendum, ha bandito dal proprio teerritorio l’uso dei pestici, mi hanno mandato un articolo che commenta l’inchiesta di cui al titolo del post.

         L’articoloè stato scritto dal giornalista Mssimiliano Bona da Cartaccia, comume coinvolto e dove si è svolta l’assemblea dei cittadini dei comuni interessati.

         “””Un’azienda specializzata di Padova -la Biogramm – che figura tra quelle certificate dal Ministero dell’Agricoltura, ha analizzato campioni d’erba prelevati in 20 prati della Bassa Atesina e dell’Oltradige con risultati quanto mai preoccupanti: SUL 20% DELLE AREE VERDI SONO STATI TROVATI PESTICIDI.

          Il test ha riguardato i parchi di Appiano, Egna, Laives, Ora Magrè, Caldaro, Cortaccia e Cortina.

          “””In diversi siti – ha commentato Koen Hertoge del “Pesticide Action Hertoge”   sono stati rilevati fino a 4 sostanze chimiche. E i test sono stati effettuati a metà maggio 2017. Abbiamo scelto un  istituto neutrale e accreditato per le analisi in modo da non potere esseren tacciati di parzialità. Nei 20 parchi pub blici in questyione sono stati riklevati in totalem 14 sostanze chimiche diverse gtra le quali PESTICIDI, CONCERVANTI  ma anchePRODOTTI PER LA DISINFESTAZIONE PER LE ZANZARE TIGRI , a Egna, e Laghetti.

          Sono risultate positive le analisi condotte a Frangarto, nella strada di Castelfirmiano, a Cartiano,, in Val dell’agnello, a Laives, in via Marconi, a Penone, nel comune di Cortaccia.”””

          Dopo la presentaziione dei dati, nel corso di una serata pubblica a Cortaccia c’è stato uno scontro durissimo tra ambientalisti del fronte “NO PESTICIDI” e contadini.

         Gli agricoltori -ha commentato Koen Hertoge- si sono sentiti attaccati. Noi, in realtà, apprezziamo il loro lavoro ma riteniamo che nei parchi pubblici i valori di queste sostanze debbano essere “Z E R O”. Tra l’altro, oltre ai contadini, possono  contribuire anche i prodotti usati
dalle giardinerie comunali. BISOGNA INTERVENIRE PRIMA POSSIBILE.

       La parte medica è stata illustrata dalla dottoressa Elisabeth Vierler che si è soffermata sui rischi del massiccio utilizzo di pesticidi.

      Micheal Oberhuber, direttore del Centro sperimentale di Laimburg ha sottolineato che i valori nei parchi  dovrebbero essere ZERO. Stiamo lavorando sodo per arrivarci  con la ricerca.

     Il fronte “NO PESTICIDI” ritiene che non sia abbastanza, senza tenere conto della ripercussione sulla salute dei bimbi.”””

                                                                         (Massimiliano Bona da Corteccia)

 

     I fatti riportati dalla ricerca, a mio avviso, non hanno bisogno di essere spiegati. I contadini, poi, dovrebbero anche ricordare che tra quei bambini che respirano i veleni che loro usano in grande quantità ci sono anche sia  i loro figli che i loro nipoti, loro stessi e le loro mogli .  O no? 

         Personalmente, sono d’accordo col fronte “NO PESTICIDI”!!!                                                                         

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in PESTICIDI? NO, Rispetto delle regole. Contrassegna il permalink.

Una risposta a QUANDO UNA RICERCA IN PROVINCIA DI BOLZANO TROVA I PESTICIDI NEI PARCHI DOVE GIOCANO I BAMBINI E RIPOSANO GLI ANZIANI CHE LI ACCOMPAGNANO.

  1. cordialdo ha detto:

    L’ha ribloggato su profumo di donna.

I commenti sono chiusi.