L’INCHIESTA SUL PONTE CROLLATO A GENOVA COINVOLGEREBBE ALCUNI DIRIGENTI MINISTERIALI CHE AVREBBERO APPROVATO GLI ULTIMI LAVORI.

profumo di donna

         La Guardia di Finanza avrebbe sequestarto a Roma, a ritroso,  atti e progetti fino al 1981. L’ultimo allarme di febbraio 2018.

       L’inchiesta sul crollo del Ponte Morandi  coinvolgerebbe non solo Autostrade ma anche le responsabilità dello Stato nelle persone di due dirigenti del Ministero delle Infrastrutture.

      Tra i documenti sequestrati dalla Finanza, su ordine della Procura della Repubblica risulterebbe una lettera pubblicata oggi da l’Espresso che il direttore della manutenzione di Autostrade avrebbe inviato il 28 febbraioo a due dirigenti ministeriali per sollecitare  l’urgenza dell’approvazione del progetto RETROFITTING, UN DOCUMENTO RILEVANTE  che, secondo la Procura, dimostrerebbe la consapevolezza della criticità da parte di Autostrade. 

      La Finanza sarebbe entrata anche negli uffici di SPEA ENGINEERING, la società di Autostrade che non solo avrebbe scritto il progetto di RETROFITTING  ma      che  avrebbe avuto anche il compito…

View original post 137 altre parole

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Rispetto delle regole. Contrassegna il permalink.