HO RICEVUTO DALL’ALTO ADIGE UN PROPOSTA CHE CONDIVIDO E PUBBLICO PERCHE’ CERTI MEMBRI DELL’UE’ CHE VORREBBERO INSEGNARE AGLI ITALIANI A VOTARE IMPARINO A VIVERE IN MODO DECENTE NEI LORO”PAESI”.

profumo di donna

(COMMISSARIO EUROPEO MOSCOVICI)

  

(COMMISSARIO EUROPEO OETTINGER)

“”” Il commissario europeo Oettinger, ieri, in una intervista ha dichiarato: “I MERCATI INSEGNERANNO AGLI ITALIANI A VOTARE NEL MODO GIUSTO“. 

     Visto che questo pensiero non è solo di oettinger ma risulta essere quello dominante in UE [vedi Juncker che stampa un bacio sulla pelata di Muscovici ricevendo giusta risposta da Salvini – n.d.R] io voglio prenderlo in parola per cui propongo a tutti gli Italiani di evitare categoricamente l’acqjuisto di prodotti stranieri in genere e tedesti in particolare.

Oggi, infatti, in Italia si spendobno miliardi di euro in prodotti dell’industria straniera, dagli alimentari nei discount alle automobili, passando per l’abbigliamento, mobili ed elettrodomestici. 

Ci hanno incilcato che italiano o europeo è la stessa cosa. In realtà non è affatto così! 

Abbiamo distrutto l’industria italiana per favorire quella straniera ed anche per questo abbiamo creato milionidi disoccupati italiani.   

Leggiamo…

View original post 28 altre parole

Annunci

Informazioni su cordialdo

Nato in provincia di Reggio Calabria dove si è diplomato. Emigrato a Novara a 18 anni dove ha abitato e lavorato per 50 anni. Attualmente, pensionato, vive in provincia di Bergamo. Ama l'alta montagna, soprattutto l'Alta Val Venosta, in provincia di Bolzano dove trascorre le sue vacanze estive ; quest'anno per il 27° anno. Amo gli animali, soprattutto i cani come il mio Spillo che vive con me da 14 anni, raccolto a 6 mesi sull'orlo di una strada provinciale lombarda buttato in un sacchetto come un rifiuto da un'auto in movimento! Sino alla scorsa estate siamo andati insieme in alta montagna oltre i 3.000 m. di quota. Spero di tornarci ancora! Sono in WhatsApp. Appartieni alla cerchia dei miei amici? Chiamami.
Questa voce è stata pubblicata in Rispetto delle regole. Contrassegna il permalink.